post

Laboratorio Formentini > il Diario > Cultura editoriale > L’invenzione editoriale – I camaleonti

L’invenzione editoriale – I camaleonti

Nell’aprile 2016 il Laboratorio Formentini per l’editoria ha inaugurato il ciclo L’invenzione editoriale: otto conversazioni sulla capacità di dare forma a «libri latenti», ossia libri nascosti eppure possibili, libri avvincenti che non esistevano in natura. Da aprile a dicembre, ogni primo martedì del mese, in questo spazio dedicato alla comunicazione editoriale, otto dialoghi sulla sfida che ogni editor deve raccogliere: saper trasformare e magari resuscitare i libri, e i loro autori, e persino interi generi letterari. L’invenzione editoriale. Otto incontri per parlare di come i libri si fanno, si rifanno, si sfanno.

Dopo i primi incontri con Domenico Scarpa, Isabella Mattazzi, Silvano Nigro e Alberto Ferlenga, nel quinto appuntamento mensile sul tema I camaleonti, Stefano Bartezzaghi dialoga con Domenico Scarpa.

Partendo da un iper-libro, gli Esercizi di Stile di Raymond Queneau, scopriamo per quali vie il trascorrere del tempo, l’inventiva nella ricerca, gli stili di presentazione editoriale, possono cambiare il volto di un’opera: come arrivano a modificarne la forma, l’intonazione, la ricezione, e come riescono a trovarle nuovi lettori, anzi, tutto un pubblico inaspettato che rilancerà quell’immagine nuova.