A Mosca, A Mosca! Cechov, Stanislavskij, Mejerchol’d, Nemirović-Dancenko: Fausto Malcovati racconta la prima rivoluzione teatrale del Novecento

La Mosca dei primi anni del Novecento è la culla del rinnovamento del teatro: l’invenzione della regia da parte di Konstantin Stanislavskij (con il contributo finora sottovalutato di Vladimir Nemirović-Dancenko), la poesia e la drammaturgia di Anton Cechov, il genio di Vsevolod Mejerchol’d hanno cambiato per sempre le arti della scena. Alla conoscenza di questa irripetibile stagione Fausto Malcovati, fresco vincitore del Premio Ubu, ha dedicato il suo impegno di studioso e di scrittore. Nell’incontro si cercano di trovare le tracce dell’eredità di quella stagione nel teatro che si fa oggi in Italia, grazie all’apporto di alcuni ospiti. Segue aperitivo.

In collaborazione con Regula contra Regulam. Si ringrazia Laboratorio Formentini per l’Editoria.

Partecipano all’incontro in qualità di relatori Oliviero Ponte di Pino, Raul Iaiza e Fausto Malcovati.

Su questo sito Web utilizziamo strumenti proprietari o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie vengono normalmente utilizzati per consentire il corretto funzionamento del sito (cookie tecnici), per generare report sull’utilizzo della navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi / prodotti (cookie di profilazione). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore.