Le traduzioni da lingue ponte. Ragioni, conseguenze, esperienze

La pratica di far tradurre un testo a partire da una sua versione tradotta piuttosto che dall’originale è ancora diffusa, ma quali sono le ragioni che spingono alcuni editori a scegliere questa soluzione, e in quali casi specifici accade? Perché un autore chiede all’editore straniero di usare una traduzione particolarmente fortunata come base per quelle successive, e che percezione ha di quel testo ponte? Quali sono le difficoltà da affrontare per un traduttore che deve lavorare su una versione non originale e che magari non conosce affatto la lingua e la cultura del testo di origine? Ci sono aree linguistiche più interessate da questo fenomeno?

Se ne parla insieme a Ada Arduini, traduttrice dall’inglese, Giacomo Longhi, traduttore e studioso della cultura araba e persiana, Francesco Pacifico, autore (e traduttore) italiano tradotto all’estero e Francesca Varotto, responsabile narrativa straniera di Marsilio. Modera l’incontro Laura Cangemi.

L’incontro è aperto a tutti, registrandosi al modulo https://goo.gl/forms/k8oZRwyyefBYqiyt1

Su questo sito Web utilizziamo strumenti proprietari o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie vengono normalmente utilizzati per consentire il corretto funzionamento del sito (cookie tecnici), per generare report sull’utilizzo della navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi / prodotti (cookie di profilazione). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore.