Leggere, scrivere e far di conto: l’italiano a scuola dopo l’Unità

Grammatiche, sillabari e vocabolari, libri di lettura e di scrittura: armata di questi strumenti la scuola dell’Italia unita ha affrontato il compito di trasformare l’italiano da lingua della tradizione letteraria, familiare a pochissimi, in mezzo di confronto e di partecipazione alla vita associata. Un lungo lavoro, inteso a creare non solo parlanti, ma cittadini: attraverso l’acquisizione dell’italiano è passato il processo di crescita civile di una nazione intera. Mariarosa Bricchi dialoga con Giuseppe Polimeni su metodi e canoni, sfide e limiti della scuola italiana nel secondo Ottocento.

Su questo sito Web utilizziamo strumenti proprietari o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie vengono normalmente utilizzati per consentire il corretto funzionamento del sito (cookie tecnici), per generare report sull’utilizzo della navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi / prodotti (cookie di profilazione). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore.