L’italiano che vogliamo: la nostra lingua nella scuola di oggi

L’educazione linguistica è, oggi come in passato, una forma di educazione civica: alla scuola spetta la responsabilità di trasmettere l’italiano come tramite indispensabile non solo per accedere ai testi letterari, ma per capire ed essere capiti a un livello non superficiale. Il pieno dominio delle risorse della lingua implica la capacità di esprimersi con esattezza e proprietà; di argomentare in difesa delle proprie ragioni; di riconoscere e di impiegare varietà, registri e sottocodici.

Mariarosa Bricchi dialoga con Luca Serianni sull’italiano che vogliamo: una lingua duttile e flessibile, calata nel suo tempo e capace di rispondere con efficacia alle diverse esigenze comunicative.

Su questo sito Web utilizziamo strumenti proprietari o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie vengono normalmente utilizzati per consentire il corretto funzionamento del sito (cookie tecnici), per generare report sull’utilizzo della navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi / prodotti (cookie di profilazione). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore.