Poche e precise parole: tradurre i racconti brevi e brevissimi

Un microracconto è un testo che attrae il lettore nella sua rete e lo abbandona quasi subito, ma come avverte Andrés Neuman: «Più sembra breve, più si legge lentamente». Anche se dura qualche pagina, il racconto breve non vuole soddisfare del tutto la curiosità di chi lo legge. Il finale spesso non svela.

La prosa brevissima per il traduttore è una prova severa. «I verbi volano, i sostantivi corrono, gli aggettivi pesano.» La trama di pochi paragrafi è avara di chiarimenti. Il personaggio sta dentro due parole, né più né meno. Nella scelta dell’accezione corretta, una mano la può tendere la frequentazione dello stile dell’autore. Allora spuntano un verbo ricorrente, la predilezione per un aggettivo, suggestioni di altri autori di micro narrazioni, un verso nascosto. Insomma, setacciando, qualche traccia la si trova.

Alla ricerca di questi segni, partiremo da qualche osservazione sulla prosa dello scrittore Andrés Neuman, nato in Argentina e trasferitosi durante l’adolescenza in Spagna, e poi lavoreremo insieme su alcuni suoi racconti brevi e brevissimi.

Su questo sito Web utilizziamo strumenti proprietari o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie vengono normalmente utilizzati per consentire il corretto funzionamento del sito (cookie tecnici), per generare report sull’utilizzo della navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi / prodotti (cookie di profilazione). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore.